.
Annunci online

suibhne
Voglio sui miei taccuini scrivere le bazzecole che mi frullan per il capo, dar di morso a chi mi attacca, liberar la mia bile...
28 settembre 2009
Itinerari imprevedibili
Il viaggio in treno di oggi è durato tre puntate di Transeuropéenne su France Inter, la prima puntata stagionale di Uomini e Profeti, qualche pagina di Saga, due puntate di Fringe e qualche minuto di sonno, interrotto dalle risa sguaiate di uno di Latina sceso a Pisa e che era in crisi con la famiglia della sua fidanzata ("Loro stanno cercando di dividerci" diceva al cellulare, con un certo senso della soap) e dai risolini di una madre anziana e figlio bambino svizzerotedeschi che sono scesi a Grosseto.

La gente percorre itinerari davvero imprevedibili.
18 agosto 2009
Le torri, Pisa, Parigi e Madinat al-Kuwayt

Premessa doverosa: io non ho idea di come siano fatte Kuwait City, Al Jahrah, Qasr o Abdali. E, figuriatevi, non ho un'idea mentale neppure di Doha, Baghdad (che immagino - ahimé - sempre attraverso uno schermo verde come nel '91 oppure mentre entrano gli americani e tirano giù Saddam Hussein), Dubai o il Bahrein. Non so quanto valga un dinaro kuwaitiano e conosco un po', ma solo perché ho buona memoria, le vicende della Guerra del Golfo (che ancor non si chiamava Prima) nel 1990-1991: l'invasione del Kuwait in agosto, il discorso di Bush (che non si chiamava ancora Padre), gli italiani sequestrati, che facciamo? in guerra o no?, l'ultimatum per gennaio, gli assalti ai supermercati, che all'epoca la guerra sembrava una cosa seria e ci si ricordava solo la Seconda Guerra Mondiale.

So di non sapere tutte 'ste cose, ma so anche che se dovessi fare un depliant che pubblicizza i voli di Alitaliahahahah o di Airfrance verso il Kuwait e i paesi del Golfo mi informerei per evitare figure di merda.

Perché, sapete, poco fa un certo qualcuno mi chiama: c'è un volo Roma - Parigi che costa molto meno del previsto! Solo che è un volo Kuwait Airways, che compagnia mai sarà?! Allora cerco ligusticamente di convincerlo a prendere il volo risparmioso prendendo notizie sulla compagnia aerea, lodando l'affidabilità del governo kuwaitiano (confondendolo con il Quatar, mi è venuto in mente dopo...) e il fatto che sono tanti tanti anni che non dirottano più i suoi voli (questa seconda parte l'ho tenuta per il sostegno ad acquisto avvenuto). Ecco, nel guardare il sito della Kuwait Airways ho visto questo splendido depliant:




Ecco, io posso anche accettare che i kuwaitiani confondano Berlino con Francoforte.... ma cazzo! La torre di Pisa a Parigi!? Si chiamerebbe torre di Parigi, non torre di Pisa, se fosse a Parigi e non a Pisa! E poi... quella è Praga o no, secondo voi?

12 giugno 2008
Banchine pisane

Sulla banchina del binario sette, alla stazione di Pisa. Torno a casa dopo un mese e mezzo e addosso ho un carico di sudore e pensieri e una blanda tachicardia. Oggi ho bevuto troppo caffè, blando pure lui ma pur sempre caffè. Non c'è nessuno, ai miei lati piove e c'è odore di treno bagnato, che non è un buon odore. Dio quanti pensieri. Piccione più zozzo e sudato di me pigola sul treno per Pontremoli delle 20:11. Ora ho solo una immensa voglia di farmi una doccia, lavarmi via sudore e pensieri e dormire. Quanta voglia di dormire che ho.

Se nei prossimi giorni fa bello voglio andare al mare.

Banchine pisane

Per evitare il bombardamento di sms di domani: sto bene, solo la malinconia delle piogge di un'estate che sta per cominciare che chissà com'è mi ricordano le piogge dell'autunno che arriva. L'incontro con la professoressa è andato molto bene, i dolcetti sono stati molto apprezzati e l'aggettivo più spesso associato ai dolcetti è stato "raffinatissimi". Che poi è quello che mi piace dicano di me. Che mi piacerebbe dicessero di me, forse.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pisa pioggia trenitalia malinconia brevissima

permalink | inviato da suibhne il 12/6/2008 alle 19:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
9 giugno 2008
Galateo e viaggi in aereo

Una domanda per voi, lettori, che ne sapete di mondo. Normalmente, quando qualcuno mi invita a cena, mentre mi allaccio le scarpe e sto per uscire mi viene in mente che è buona norma portare qualcosa, quindi cerco una bottiglia impolverata rimasta in alto su un armadio oppure un cesto natalizio mai aperto. Quando mi viene in mente troppo tardi, mi fermo in una Coop o in un Autogrill e rimedio uno spumantino sfigato o una bottiglia di vino decente. Ieri sera, ad esempio, ho rimediato 10 bottiglie di birra e due plumcakes giganti per sostenere la mia seconda nazionale (e abbiamo vinto).

Questa volta la cosa è piu' complicata perché giovedi' a pranzo sono invitato ( ta daaaan ) dalla mia professoressa in quel di Firenze. Ricordate che 1) parto da Parigi il giorno prima e il viaggio in aereo sconsiglia l'acquisto di bottiglie di vino o di spumantini sfigati (cosa che sconsiglia anche la concomitante presenza a pranzo della figlia e del nipote di non so quanti anni, ma se fossero troppo pochi?); 2) arrivo a Pisa alle otto di sera, quindi sara' assai complicato acquistare qualcosa in Italia...

Che porto? Che si porta? Un dolce? Dei cioccolatini? Ma non si sciuperanno durante il viaggio? Una tesi di dottorato decente? E chi lo sa...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. galateo inviti a pranzo firenze pisa aerei vino

permalink | inviato da suibhne il 9/6/2008 alle 16:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


Potete contattarmi qui:

suibhne@hotmail.com



tumblr.


friendfeed


last.fm



BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Technorati Profile
Add to Technorati Favorites


Zeitgeist







IL CANNOCCHIALE